Cos'è il centro per l'impiego

Il centro per l'impiego (CPI) è l'ufficio pubblico con cui le Province possono gestire e controllare il mercato del lavoro al livello locale. Eroga e promuove, inoltre, offerte lavorative di aziende sia pubbliche che private, mettendo in contatto domanda e offerta in un mercato sempre più ramificato e complesso. In base al D.Lgs. 469/97, preceduto dalla legge Bassanini, il centro per l'impiego ha sostituito l'ufficio di collocamento per ciò che concerne i compiti ad esso relativi. Rientra, inoltre, nelle strutture con cui la Regione svolge le sue funzioni. Il Centro Per l'Impiego è un Servizio Pubblico e Gratuito che ha lo scopo sia di sostenere le Persone nella loro attività di ricerca lavoro, sia di offrire un supporto alle Aziende nella fase di ricerca personale.

Il precedente ufficio per l’impiego, fra i suoi compiti, era preposto al rilascio del “libretto di lavoro”, un documento che riportava la storia lavorativa del soggetto. Dal 2002, il libretto è stato sostituito dalla “scheda professionale del lavoratore”, un curriculum vitae più completo che tiene conto anche della formazione oltre che di tutte le esperienze lavorative. I compiti principali del nuovo ufficio di collocamento: mediare tra la domanda e offerta del mercato del lavoro; informazione, orientamento e consulenza per tutti coloro che vivono nel territorio e necessitano di delucidazioni relative al settore lavorativo; sostegno e informazione circa il collocamento dei lavoratori. Il centro per l'impiego si occupa anche di: lavoratori disabili, lavoratori vincitori di pubblico concorso, iniziative per incrementare il lavoro femminile. Negli ultimi anni, si è rafforzata anche la funzione formativa con l’istituzione di corsi specifici che aiutino soprattutto i più giovani a trovare una loro collocazione nel mercato.

L’iscrizione al centro per l’impiego: requisiti e modalità Per iscriversi al centro per l’impiego si deve avere le seguenti caratteristiche: compiuto 16 anni (o 15 se assolto l’obbligo scolastico); essere cittadini disoccupati o inoccupati residenti o domiciliati in una provincia italiana; per gli stranieri, occorre possedere un permesso di soggiorno valido. L’età massima è 65 anni. Bisogna recarsi personalmente presso il Centro per l’impiego più vicino trovandolo all’interno del sito www.centroimpiego.it con documento d’identità e codice fiscale. Presso il centro, si compilerà un modulo ad hoc. Si consiglia portare i documenti interenti l’ultimo contratto di lavoro oltre al curriculum dei titoli ottenuti aggiornato. Una volta iscritti, si accede ai servizi del centro. L’iscrizione non è obbligatoria, anche se per alcune aziende (soprattutto pubbliche) potrebbe costituire un prerequisito.

I Centri per l'Impiego possono offrirti una serie di servizi, anche personalizzati, di consulenza, inseriranno il tuo Cv all'interno di un data base per l'incontro domanda/offerta,daranno un supporto per l'attivazione di tirocini formativi e raccordo con il sistema della formazione professionale, oltre a servizi di Mediazione Culturale e amministrativi per l'iscrizione come Disoccupato/a

Nel caso in cui ci si trasferisce e prima si era iscritti ad un altro Centro per l'Impiego, non si perderà l’iscrizione precedente. Ci si può recare al Centro per l'Impiego della città del nuovo domicilio o dove si intende ricercare un lavoro, con un documento di identità valido e il codice fiscale e fare richiesta di trasferimento dal CPI di provenienza, dichiarando l'eventuale nuovo domicilio. Il trasferimento avverrà d'ufficio. Se si risulta in stato di disoccupazione presso il Centro per l'Impiego di provenienza, si mantien l'iscrizione e l'anzianità di disoccupazione.