Chi acquisisce lo stato di disoccupazione

La disoccupazione è uno dei requisiti per l’iscrizione al CPI. Viene definito disoccupato, secondo la legge 92/2002, chi non svolge attività lavorativa oppure ne svolge una tale da non assicurarsi un reddito annuo superiore a 8.000€ per lavoratori dipendenti o 4.000€ per gli autonomi. Gli inoccupati sono, invece, coloro che non hanno mai svolto alcun lavoro. Per trovare il centro per l'impiego più vicino al luogo di residenza si può consultare il presente sito www.centroimpiego.it. E’ possibile effettuare una ricerca in base alla regione, provincia e comune.

Le Regioni sono un importante punto di riferimento nell'erogazione dei servizi per tutti coloro che cercano lavoro: sono infatti gli Enti che coordinano i servizi pubblici per l'impiego sul territorio. Le competenze in materia di servizi per l’impiego sono suddivise tra nazionali, regionali, provinciali e locali. Le Regioni hanno competenze di: orientamento relativo al collocamento; programmazione regionale e relativo coordinamento; promozione avvio attività imprenditoriale; promozione iniziative di collocamento per fasce deboli; attività coordinate con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali politiche attive e di monitoraggio.

I Centri per L’impiego a livello provinciale, hanno le seguenti specifiche funzioni: gestione dei servizi di collocamento e preselezione; promozione di iniziative e interventi di politiche attive del lavoro sul territorio; coordinamento territoriale per informare in modo integrato sulle attività di formazione e orientamento (professionale, avvio nuova impresa, incontro domanda e offerta).

Dopo essersi iscritto come Disoccupato, verrà fissato un appuntamento con un Operatore per un Colloquio di Orientamento al lavoro: durante il colloquio oltre a ricostruire il profilo professionale del disoccupato e ad inserire le sue disponibilità lavorative all'interno di un data base per l'incrocio domanda/offerta, saranno fornite indicazioni orientative su profili professionali, mercato del lavoro, formazione, ricerca attiva, uso di Internet, etc con l'obiettivo di renderti efficace e indipendente nella tua ricerca lavoro. Al termine del Colloquio viene sottoscritto un Patto di servizio con le azioni da svolgere per migliorare le tue possibilità occupazionali. Al DIRITTO di acquisire lo status giuridico di disoccupato/a segue quindi il DOVERE di un impegno attivo e di responsabilità nella ricerca del lavoro, nella partecipazione a incontri formativi o a corsi di formazione professionale o a tirocini formativo, nel rispetto del percorso stabilito nel Patto di servizio.

per ottenere lo stato di disoccupazione, si deve aver terminato un lavoro precedente oppure si sta cercando lavoro. Ci si dovrà rivolgere agli sportelli del Centro per l'Impiego con un documento personale, dove sottoscrivere la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (D.I.D)  oppure direttamente tramite un Patronato o dal sito dell'INPS con la domanda dell'indennità di disoccupazione. Se non sto lavorando, sono Disoccupato/a per la legge? No. Lo Stato di Disoccupazione è uno Status Giuridico che si acquisisce solo nel momento in cui si dichiara (al Centro Impiego o tramite i Patronati o all'INPS online) con un'autocertificazione (D.I.D.) di essere immediatamente disponibile a lavorare e il tuo impegno a ricercare un nuovo lavoro: lo Stato di Disoccupazione genera, per legge, Diritti e Doveri. La presentazione al Colloquio è obbligatoria sia il primo colloquio dopo l'iscrizione come disoccupato/a, sia gli altri appuntamenti/colloqui stabiliti nel Patto di Servizio. La mancata presentazione ai colloqui, senza una motivazione valida e documentata, comporta la perdita dello Stato di disoccupazione. Casi in cui si può perdere lo stato di disoccupazione: - Se non ci si presenta, senza una motivazione valida, al colloquio fissato al Centro per l'impiego. Si può rilasciare una nuova DID dopo 2 mesi; - Se si rifiuta, senza giustificazione, una congrua offerta di lavoro da parte del Centro per l'impiego. Se non si percepisce alcun ammortizzatore sociale (ASPI), l'offerta è considerata congrua se si tratta di un lavoro a tempo indeterminato o determinato di durata superiore a 6 mesi, che corrisponda al profilo professionale concordato nel Patto di servizio e la cui sede di lavoro sia raggiungibile in 80 minuti con i mezzi di trasporto pubblici. Se invece si percepisce un ammortizzatore sociale (es. cassa integrazione, ASPI), è ritenuta congrua un'offerta a partecipare ad un'iniziativa di politica attiva oppure un'offerta di un lavoro la cui retribuzione sia superiore almeno del 20% rispetto all'importo lordo dell'ammortizzatore percepito. Chi perde lo stato di disoccupazione per questo motivo, potrà rilasciare una nuova DID dopo 4 mesi. Il rifiuto non ha nessuna conseguenza sullo stato di disoccupazione nel caso venga opposto da un padre o una madre nel primo anno di vita del bambino; - Se non si rispetta gli accordi presi con il Centro per l'Impiego nel Patto di Servizio; - Se si viene assunti con un contratto a tempo indeterminato o con un contratto a tempo determinato di più di 6 mesi che prevedano un reddito annuo di oltre 8.000 euro. Si potrà rilasciare una nuova DID solo dopo la cessazione del rapporto di lavoro; - Se si inizia un'attività di lavoro parasubordinata (ad esempio un contratto di collaborazione a progetto), di qualsiasi durata, da cui derivi un reddito annuo di oltre 8.000 euro. Si potrà rilasciare una nuova DID solo dopo la cessazione dell'attività lavorativa; - Se si intraprende un'attività di lavoro autonomo di qualsiasi durata da cui derivi un reddito annuo superiore a 4.800 euro. Si potrà rilasciare una nuova DID solo dopo la cessazione dell'attività lavorativa; - A seguito di partecipazione ad un'asta pubblica, e dopo essere stati avviati a selezione, non ci si presenta alle prove di idoneità, oppure si rinuncia al posto di lavoro senza un giustificato motivo. In questi casi non si potrà partecipare ad altre aste pubbliche in tutta la Regione per 6 mesi, inoltre, si perderà lo "stato di disoccupazione" e non si potrà rendere altra dichiarazione di immediata disponibilità in nessun Centro per l'impiego dell'Emilia-Romagna per un periodo di 4 mesi; Quando si sospende lo Stato di Disoccupazione se si accetta un'offerta di lavoro a tempo determinato o temporaneo di durata fino a 6 mesi (apprendistato per la qualifica professionale, apprendistato professionalizzante, apprendistato alta formazione, contratto di formazione, lavoro a domicilio, lavoro intermittente, tempo indeterminato, tempo determinato, lavoro ripartito, lavoro domestico, contratto di somministrazione); Se termina (per qualsiasi motivo) un contratto a tempo indeterminato entro 6 mesi dalla sua instaurazione; L'anzianità di iscrizione riprende a decorrere terminato il rapporto di lavoro; La persona che si trova con stato di Disoccupazione "Sospeso", può aderire solamente alle Aste Pubbliche (art. 16 legge 56/87) a tempo indeterminato